Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Risparmiare Tempo e Soldi

Risparmiare Tempo e Soldi

Semplici Consigli per risparmiare tanto tempo e tanti soldi


PAVIMENTI ESTERNI: Costi e Consigli

Pubblicato da Alan su 1 Settembre 2015, 10:17am

PAVIMENTI ESTERNI: Costi e Consigli

Una pavimentazione per esterni, per conservarsi nel tempo, deve resistere a sbalzi termici, acqua e gelo. Numerosi sono i materiali che si possono usare per realizzarla.

Pavimenti esterni in materiali lapidei

Una pavimentazione per esterni, per conservarsi a lungo nel tempo, deve resistere a sbalzi termici, acqua e gelo e irraggiamento, solare e lunare.

Numerosi sono i materiali che si possono usare allo scopo, ma i più diffusi sono quelli naturali come pietra, granito e marmo.

Le pietre sono materiali durissimi e ingelivi, usati per esterni perché particolarmente resistenti agli agenti atmosferici.

Tra le pietre nostrane più diffuse vi sono i serizzi, di colore grigio con grandi cristalli bianchi, le beole, bianche, verdi o grigie, la pietra d’Istria, la pietra di Trani, i travertini, i quarzi e la pietra serena.

I graniti sono rocce dure e compatte, resistenti al gelo, agli sbalzi termici e alla luce.

Tra i più diffusi in Italia vi sono il granito di Biaveno, vicino Domodossola, il granito sardo, bianco o rosa e la sienite Biella.

I marmi sono invece pietre di origine calcarea più tenere e porose e quindi meno resistenti alle intemperie, alle abrasioni e alle macchie, per cui sono meno usati in esterni.

I marmi italiani più diffusi sono il Trani, quello di Carrara, il botticino, il rosso veronese, il lasa bianco, e i verdi provenienti dalla Val d’Aosta.

I marmi sono venati, mentre le pietre e i graniti sono generalmente di colore omogeneo o puntinati. SCOPRI I COSTI

Pavimenti esterni in materiali ceramici

L’impasto di materiali come sassi, sabbie e pietrisco con acqua e leganti, oppure l’argilla cotta ad alta temperatura e fatta essiccare, permettono di realizzare materiali che hanno la stessa durezza e consistenza delle pietre.

Le ceramiche utilizzate in piastrelle, ad esempio, possono essere un ottimo prodotto per pavimenti esterni, perché sono antigelive, cioè resistenti a temperature inferiori a 0°, per evitare che si spacchino.

La superficie e la pasta devono essere compatte e non porose per evitare che l’acqua infiltrandosi possa ghiacciare e farle rompere.

Il cotto è un materiale poroso cotto in forno a temperature intorno a 1200°C.

Ha colori che vanno dal giallo paglierino al rosso fino al grigio.

La cottura a legna rende il materiale non opaco e ne evita la vetrificazione, rendendolo più resistente e quindi adatto in esterni. SCOPRI I COSTI

Pavimenti esterni in materiali cementizi

Le marmette cementizie hanno uno spessore di 3 - 4 cm. Nel formato 50 x 50 sono spesso rifinite con ciottoli e pietruzze o hanno disegni a rilievo.Il notevole spessore permette di usarle per pavimenti flottanti o in terrazzi.

La posa avviene a secco su angolari in plastica che hanno lo scopo di tenere le marmette distanziate tra loro e dal sottofondo impermeabilizzato.

Quando piove l’acqua penetra nelle fessure tra le marmette e scivola sulla guaina impermeabilizzante fino agli scarichi. Così non è necessario predisporre uno strato di cemento per il sottofondo, e al tempo stesso, la manutenzione dello strato impermeabile è più semplice.

Il peso notevole rende questo prodotto molto stabile e fa sì che possa essere posato anche direttamente sul terreno.

I mattoni di cemento autobloccanti sono usati per pavimentare vialetti carrabili e parcheggi. Hanno spessori di ca. 7 - 8 cm e colori come grigio, giallo o rosso.

Si posano direttamente sul terreno o su un letto di sabbia e cemento.

Se sono provvisti di cellette cave si possono riempire di terra e piantumare con erba. SCOPRI I COSTI

Pavimenti esterni in legno

Il legno generalmente non viene usato per esterni perché risente molto dell’umidità.

Ci sono però essenze che fanno eccezione, come il teak ed altri legni esotici simili.

Questi tipi di legni resistono all’acqua perché sono per loro natura impregnati di resine che li rendono idrorepellenti. Per evitare, però, che con il passare del tempo questi legni ingrigiscano, devono essere ingrassati con specifici prodotti che li proteggano.

I pavimenti in teak per esterni sono realizzati con una doppia orditura: una inferiore di supporto ed una superiore di finitura. Possono essere posati su un massetto cementizio o direttamente sul terreno.

Per esterni è meglio, infine, evitare il legno di pino. Questo legno è, infatti, molto nodoso e i successivi processi di bagnatura ed asciugatura tendono a far staccare i nodi. SCOPRI I COSTI

Come scegliere il pavimento per attutire i rumori

Ideali per non disturbare gli altri inquilini soprattutto se abitate in un condominio, il pavimento per attutire i rumori è la soluzione perfetta per mantenere la privacy e al tempo stesso essere discreti soprattutto con gli inquilini del piano di sotto.

Il pavimento per attutire i rumori ideale è quello in gomma, resistente e antibatterico ma soprattutto in grado di attutire non solo il rumore prodotto dal calpestio ma anche gli altri rumori prodotti all’interno della casa.

Disponibile in commercio in una vasta gamma di texture e colori, puoi scegliere il pavimento in gomma liscio, con righe in rilievo, decorato, a effetto marmo, monocromatico, puntinato, graffiato.

Durevole nel tempo, è anche molto bello esteticamente e in grado di attutire i rumori prodotti dalla caduta di persone o cose.

Altri materiali antirumore

Un altro materiale ideale per realizzare un pavimento per attutire i rumori è il PVC, proposto anche questo in una vasta gamma di versioni e garantito nel tempo.

Di facile manutenzione, il pavimento in PVC è antiscivolo, resistente alle macchie e ai prodotti chimici.

Il pavimento acustico in PVC è un multistrato acustico e attutisce i rumori, ma è anche un pavimento igienico e di facile manutenzione, ideale per ambienti grandi e molto trafficati.

Anche il sughero è un materiale ideale per realizzare un pavimento capace di attutire i rumori. Inoltre, il sughero è anche una soluzione elegante che consente di creare ambienti classici e moderni molto accattivanti e di grande effetto.

Entrambi i materiali sono una valida alternativa al pavimento in gomma se vuoi pavimenti per attutire i rumori in grado di rispondere alle tue esigenze.

Materiali di ultima generazione

Tra i materiali di ultima generazione per realizzare i pavimenti per attutire i rumori anche il beton è senza dubbio uno dei migliori e dei più quotati per rispondere alle esigenze di resistenza ed essere al tempo stesso efficiente nel diminuire i rumori.

Questa soluzione viene realizzata interamente in calcestruzzo e viene eseguita in più fasi, è di facile manutenzione e dona agli ambienti un aspetto elegante e raffinato.

Se volete saperne di più sui pavimenti per attutite i rumori chiedete consiglio agli esperti del settore edile e avrete tutte le risposte ai vostri dubbi in poco tempo, oltre che la certezza di scegliere il miglior materiale per ciò che vi serve.

Pavimenti: Meglio il parquet o in ceramica?

I pavimenti in legno hanno sempre un grande effetto sugli interni delle abitazioni, in quanto le rendono calde e accoglienti, ma da quando ha fatto ingresso i pavimenti in ceramica effetto legno ecco che spesso sorge la domanda: meglio parquet o ceramica effetto legno?

Vediamo di seguito alcuni chiarimenti su entrambi per capirne le differenze e scegliere consapevoli di aver fatto la scelta giusta.

Caratteristiche e similitudini tra pavimenti in legno e ceramica effetto legno

Scegliere tra parquet e ceramica effetto legno è un fattore che dipende solo da noi e da ciò che vogliamo avere in una casa.

Il parquet è materia viva, emana calore appena si entra in un’abitazione e anche se si graffia nel tempo acquista ancora più valore.

Inoltre, è isolante e per questo è caldo in inverno e fresco in estate, può essere naturale ed ecosostenibile ed è sempre di moda.

Per proteggerlo però occorre una certa manutenzione quotidiana con oli speciali e cere che servono per farlo brillare e anche per farlo durare a lungo.

E’ chiaro dunque che, se non si desidera prestare troppa attenzione alla pavimentazione ma vogliamo ugualmente l’effetto legno sicuramente è meglio optare per la ceramica che, anche se non regalerà la stessa sensazione del legno, ha però altri innumerevoli vantaggi.

Differenza della ceramica effetto legno rispetto al pavimento in legno

I pavimenti in ceramica effetto legno, anche se non emana il calore del legno naturale, ha anch’esso un bell’effetto anche se ha pure qualche controindicazione.

Infatti, se cade qualcosa sulla ceramica questa si può scagliare e non si può riparare, mentre il parquet potrebbe essere levigato bene e diventerebbe come nuovo.

La ceramica invece con si può levigare ma è fuori dubbio che è resistente e duratura nel tempo.

Inoltre, le ceramiche effetto legno per pavimenti di ultima generazione hanno sfumature molto vicine a quelle del legno naturale e riescono a dare risultati sorprendenti.

Tenendo conto di queste informazioni, scegliete il pavimento che preferite per la vostra casa!

Pavimenti per esterni in pvc con effetto pietra

Pavimenti per esterni in pvc, caratteristiche e vantaggi

Le innovazioni non si fermano neanche nel campo dell’edilizia e ultime tra i ritrovati per pavimenti sono le piastrelle in pvc.

Anche se di recente invenzione, le piastrelle in pvc hanno conquistato coloro che amano le innovazioni e desiderano ambienti rivestiti con materiali originali e assolutamente creativi, oltre che resistenti e anche di facile manutenzione.

Ideali per rivestimenti di ospedali, scuole, aeroporti, centri commerciali e tutti quegli ambienti frequentati ogni giorno da migliaia di persone, i pavimenti per esterni in pvc offrono eleganza, possibilità di creare decori particolari ed effetti luce, ma anche molta praticità nella manutenzione.

Tra la vasta gamma di modelli e colorazioni spiccano le piastrelle in pvc effetto pietra, ideali per gli esterni, capaci di rendere accogliente e ospitale qualsiasi ambiente.

Piastrelle in pvc effetto pietra

Scegliere un pavimento in PVC effetto pietra è la soluzione ideale per arredare gli esterni con cura e creare ambienti caldi e confortevoli, riproducendo l’effetto pietra in maniera perfetta ma con una maggiore resistenza ai graffi e all’usura.

La scelta dei pavimenti per esterni in pvc effetto pietra è dettata dal desiderio di ottenere un’estetica straordinaria, che non ha nulla da invidiare alla pietra vera e propria, e un’alta resistenza a urti e abrasioni.

Queste piastrelle particolari piastrelle sono impermeabili, isolanti e si adattano per qualsiasi ambiente, risultando un ottimo compromesso tra eleganza, funzionalità e lunga vita.

Costo dei pavimenti per esterni in pvc effetto pietra

I pavimenti per esterni in pvc effetto pietra offrono soluzioni innovative e non troppo costose, se si tiene conto della funzionalità e dell’effetto che riescono a rendere a lavoro ultimato.

In commercio si trovano piastrelle in pvc effetto pietra per esterni che vanno dai 12 euro al mq circa fino ai 30 euro.

Se si tratta però di un prodotto con lavorazioni particolari il prezzo può anche subire oscillazioni in salita.

Commenta il post

Archivi blog

Social networks

Post recenti