Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Risparmiare Tempo e Soldi

Risparmiare Tempo e Soldi

Semplici Consigli per risparmiare tanto tempo e tanti soldi


Come sturare uno scarico

Pubblicato da Alan su 6 Settembre 2016, 23:09pm

Come sturare uno scarico

Come sturare uno scarico: Uno dei problemi che frequentemente si presentano in casa è l’otturazione delle tubature, sia quelle del bagno che della cucina. Questo inconveniente comporta ulteriori spese se si ricorre ad un professionista, ma in alcuni casi è possibile risolvere il guasto da soli.

Infatti, ci sono tantissimi modi economici per sturare uno scarico con il fai da te, facili da attuare e che non causano danni al resto dell’impianto. Vediamo come sturare uno scarico con il fai da te.

Sturare uno scarico: Soluzioni efficaci e immediate

Se le tubature sono intasate, la prima cosa che potete fare è intervenire con soluzioni preparate in casa con ingredienti facilmente reperibili. Per sturare uno scarico preparate una soluzione a base di acqua e soda da bucato, fatela bollire e versatela nel lavabo del bagno o nel lavandino della cucina.

Lasciate agire per circa 20 minuti e se l’effetto è positivo, la soluzione comincerà a gorgogliare lasciando libero lo scarico. L’effetto sgrassante della soda unito all’acqua calda provocano infatti un rigurgito che poi finisce con un forte rumore proveniente dalle tubature. Se ha funzionato, la soluzione ha provveduto a sturare lo scarico in modo semplice ed economico.

Un altro rimedio simile è una soluzione composta da soda caustica a granuli da sciogliere nell’acqua e poi da versare nella tubatura intasata. Aver cura di versare lentamente e, per precauzione, indossare nelle mani dei guanti di lattice, mentre potete coprire la bocca con una mascherina, per evitare di inalare il composto.

Questo rimedio è perfetto per sturare uno scarico e pulisce anche a fondo le tubature.

Interventi ulteriori in casi difficili

Nel caso che ci siano ulteriori problemi per sturare uno scarico, recatevi in un negozio di ferramenta ed acquistate un flessibile di acciaio con manovella da inserire direttamente negli scarichi, sia del lavandino che del bagno.

Generalmente il flessibile è lungo circa 15 metri e arriva fino agli scarichi posti sotto al lavabo o agli altri sanitari. La manovella serve per farlo passare tra melma e calcare e liberare così le tubazioni dall’intasatura.

Se volete maggiori informazioni su come sturare uno scarico, chiedete consiglio agli esperti che vi daranno tutte le delucidazioni in merito e vi consiglieranno anche la soluzione idonea a risolvere il problema.

Scarico otturato cause e rimedi

Prima o poi capita a tutti di avere a che fare con lo scarico otturato, un guaio che mette davvero in difficoltà e che spinge subito a chiamare l’idraulico.

Attenzione, però: attendete prima di capire qual è la causa dello scarico otturato e poi decidete se dovete chiamare il tecnico oppure no.

Vediamo quali possono essere le cause e i rimedi per risolvere questo problema.

Cause dello scarico otturato

Le cause più frequenti per cui lo scarico subisce ingorghi sono causati da accumuli di carta igienica in eccesso.

Prima di ricorrere a soluzioni drastiche, e si ha la disponibilità di una seconda toilette, attendete alcune ore affinché l’ingorgo scenda del tutto.

L’attesa dovrebbe comprendere anche la notte, per dar modo all’ingorgo di scendere lentamente senza altri scarichi che lo facciano galleggiare.

Se ancora non è del tutto sbloccato, provate a mettere dell’idraulico liquido, da lasciare agire anche per molte ore e, se tutto va bene, appena azionerete nuovamente sciacquone, l’acqua e la forza di gravità agiranno con la pressione, spingendo via l’intoppo.

Rimedi per sturare lo scarico

Un rimedio efficace potrebbe essere quello dell’acqua bollente: versate direttamente nel WC una pentola colma d’acqua bollente e, se non si tratta di un ingorgo complicato, dovrebbe scendere.

Magari aiutatevi con lo spazzolino per WC, muovendolo dall’alto verso il basso, per aiutare lo scarico a liberarsi.

In alternativa, utilizzate lo sturalavandino: procedete avvicinando la ventosa al foro del WC ed esercitate la pressione per qualche minuto.

Attendete qualche secondo dopo aver rilasciato la pressione, in modo da verificare che l’acqua in eccesso cominci a scorrere verso il basso.

Poi tirate lo sciacquone in modo che l’ingorgo si smuova del tutto. Anche lo shampoo pare sia un ottimo disgorgante: versatene un bicchiere nello scarico e lasciate agire per mezz’ora.

Se anche questo rimedio non ha funzionato, allora è il momento di chiamare l’idraulico.

Commenta il post

Archivi blog

Social networks

Post recenti