Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Risparmiare Tempo e Soldi

Risparmiare Tempo e Soldi

Semplici Consigli per risparmiare tanto tempo e tanti soldi


Condensa sui muri: come risolvere il problema

Pubblicato da Alan su 2 Settembre 2016, 21:38pm

Condensa sui muri: come risolvere il problema

La condensa sui muri interni di una casa si può formare in particolare negli angoli ed è causata dalla differenza di temperatura che si verifica tra l’ambiente interno e quello esterno e avviene per la maggior parte nel periodo invernale.

La condensa sui muri è anche favorita da certi metodi di costruzione delle case moderne che non lasciano traspirare i muri.

 

Per agire con sicurezza è necessario riconoscere la condensa, solitamente caratterizzata da: odore di muffa, fughe delle piastrelle annerite e aloni neri negli spigoli delle pareti. Poiché la condensa è originata dal vapore emesso in casa, conviene cambiare qualche abitudine per non farla ritornare. Vediamo come risolvere una condensa sui muri.

 

 

Arieggiare la stanza è molto importante

 

Per prima cosa è opportuno arieggiare la stanza tenendo aperte le porte il più possibile, e, se necessario, accendere il riscaldamento per alcuni minuti così da asciugare i muri. Una buona soluzione per risolvere una condensa sui muri è anche quella di favorire il passaggio di aria dall’esterno, ma spesso non basta e occorre ridipingere e trattare le pareti per prodotti specifici antimuffa in grado di ridurre le macchie.

 

A volte è anche necessario intervenire rimuovendo l’intonaco e sostituendolo con uno di tipo antimuffa. Dopo aver passato almeno due mani del prodotto si può passare alla vernice antimuffa e continuare l’ultima mano con la vernice normale.

 

Se la condensa sui muri presenta casi ancora più gravi, è necessario eliminare la muffa con la candeggina, dipingere le pareti con vernice traspirante e antimuffa e porre sui muri dei pannelli di circa 4 centimetri di cartongesso e materiale isolante per riportare la parete in buone condizioni.

 

Pitture speciali per la condensa sui muri

 

L’utilizzo del cartongesso per risolvere la condensa sui muri è la soluzione ideale per problemi gravi e comporta però la riduzione dello spazio della stanza, un fattore da tenere presente nel caso si decida per quest’ultima soluzione.

 

Per chi invece vuole risolvere il problema della condensa sui muri con la pittura, esiste in commercio un tipo di pittura speciale da applicare nella misura minima di 1kg di pittura per ogni m2. Questo prodotto si è rivelato molto efficace e solitamente risolve il problema. In ogni caso, se vuoi un consiglio da un esperto, rivolgiti ai professionisti per avere maggiori chiarimenti.

Il decalogo per una casa salubre e senza muffe

 

Una casa salubre è estremamente importante, se si vuole migliorare il comfort dei suoi abitanti.

 

Per poter raggiungere un grado ottimale in tal senso, è quindi necessario agire in particolare sul microclima, cercando di rimuovere tutti i fattori che possano renderlo meno piacevole.

 

Ad agire contro la salubrità dell’abitazione, sono soprattutto fattori come le muffe, gli agenti inquinanti e i batteri, la cui pericolosa azione rischia infine di sfociare nell’insorgenza di malattie pericolose, in particolare quelle collegate all’apparato respiratorio, di cui sono spesso oggetto anziani e bambini presenti all’interno del nucleo familiare.

 

Come si può cercare di limitare al massimo questi fattori di rischio?

Ce lo spiegano i ricercatori della Società di Medicina Ambientale (SIMA), i quali hanno provveduto a stilare un vero e proprio decalogo in tal senso, che sarebbe il caso di rispettare alla lettera per avere risultati significativi.

 

Le regole per aumentare il comfort abitativo

 

Il decalogo della Società Italiana di Medicina Ambientale vede il concorso di una serie di piccoli accorgimenti, che messi insieme sono in grado di limitare in modo molto sensibile il pericolo di avere aria inquinata all’interno della casa.

 

Il primo accorgimento che occorre adottare è quello rivolto a tenere sotto stretto controllo le condizioni microclimatiche all’interno dei vari ambienti che compongono la casa.

 

In particolare, sarebbe il caso di evitare temperature troppo alte e valori di umidità elevati, magari puntando su impianti per la climatizzazione dell’aria di ultima generazione, quelli dotati di funzioni molto rifinite.

 

Gli esperti del SIMA consigliano quindi di favorire una buona aerazione degli ambienti , da realizzare tenendo aperte le finestre per periodi più o meno brevi, due o tre volte al giorno.

 

Una mossa destinata con tutta evidenza a facilitare il ricambio dell’aria.

 
Altra mossa che può contribuire ad aumentare la salubrità dell’abitazione è poi la corretta manutenzione dei dispositivi per il condizionamento, il modo migliore per evitare che il loro non adeguato funzionamento non solo vada ad impedire il corretto ricambio dell’aria, ma anche a favorire la penetrazione sostanze di inquinanti provenienti dall’esterno.

 

Anche i prodotti per la casa sono oggetto della disamina del SIMA, in quanto la loro natura di composti chimici utilizzanti materiali organici volatili (COV), ne consiglia la sostituzione con sostanze di derivazione naturale, in particolare bicarbonato e aceto.

 

Infine, attenzione ai tappeti, che pur essendo manufatti di rara bellezza e in grado di aggiungere bellezza all’aspetto della casa sono allo stesso un vero e proprio ricettacolo per polvere e acari.

 

In tal modo vanno a favorire l’insorgenza di allergie e altre problematiche di non poco conto dell’apparato respiratorio, soprattutto ai danni dei più piccoli.

 

Occorre evitare anche i comportamenti a rischio

 

Se questo è il decalogo vero e proprio, gli esperti del SIMA si premurano anche di aggiungere una preziosa postilla, quella relativa alla necessità di evitare per quanto possibile l’assunzione di comportamenti a rischio.

 

Il primo comportamento da evitare, in particolare, è il fumo.

Evitando le sigarette si può contribuire non solo ad un miglior stato di salute dell’apparato respiratorio, ma anche dare vita ad una decisa riduzione del pericolo dell’inquinamento all’interno della casa.

Commenta il post

Archivi blog

Social networks

Post recenti