Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Risparmiare Tempo e Soldi

Risparmiare Tempo e Soldi

Semplici Consigli per risparmiare tanto tempo e tanti soldi


Impianto a Osmosi Inversa

Pubblicato da Alan su 5 Settembre 2016, 10:43am

impianto osmosi inversa
impianto osmosi inversa

Impianto a osmosi inversa è un processo semplice per purificare l’acqua domestica dalle varie impurità. Il sistema a osmosi inversa è il metodo di depurazione più sicuro e più diffuso al mondo perché elimina del tutto le particelle inquinanti, filtra l’acqua in maniera perfetta e mantiene intatte le proprietà organolettiche.

Con questo procedimento viene garantita la purezza batteriologica dell’acqua. Il ciclo avviene grazie all’utilizzo di una membrana semipermeabile, che è il motore di questo sistema di depurazione. La membrana è infatti in grado di filtrare l’acqua in maniera accurata, ottenendo così caratteristiche di colore, sapore, odore e di purezza organolettica abbastanza soddisfacenti.

L’impianto a osmosi inversa funziona con queste caratteristiche e permette all’acqua di rubinetto di diventare potabile.

Impianto a osmosi inversa non solo per uso alimentare

Gli impianti ad osmosi inversa purificano l’acqua corrente da impurità e sono anche in grado di produrre acqua oligominerale anche da liquidi in cui si trovano alte concentrazioni di sali minerali, batteri ed agenti inquinanti e addirittura nitrati. Per questo motivo l’impianto a osmosi inversa è spesso utilizzato non solo per produrre acqua ad uso alimentare, ma è indicato anche per produrre acqua utile a riempire un acquario.

Installare un impianto a osmosi inversa in casa prevede la collocazione di un depuratore sotto il lavello, agganciato direttamente alla rete idrica. In commercio vi sono due tipologie che differiscono solamente per la presenza o l’assenza della tanica che fa da serbatoio dell’acqua. Negli impianti con serbatoio il sistema filtrante è collegato, oltre che alla rete idrica, ad un rubinetto erogatore, posizionato sopra il lavello, che a sua volta è connesso ad una tanica in cui si trova l’acqua depurata.

Il serbatoio di solito ha una capacità minima di 14 litri e l’impianto è messo in moto dall’apertura del rubinetto erogatore, in modo che, ogni volta che scende l’acqua nel serbatoio, viene sostituita con nuova acqua purificata e il serbatoio la immagazzina per renderla disponibile.

Impianti privi di serbatoio

L’impianto a osmosi inversa privo di serbatoio è solitamente collegato da un lato alla rete idrica e dall’altro al rubinetto installato in casa. L’acqua viene depurata quindi al momento dell’apertura del rubinetto e non c’è accumulo di acqua.

Se volete ulteriori informazioni in merito chiedete consigli agli esperti degli impianti e otterrete tutte le indicazioni necessarie per capire anche costi di installazione dell’impianto a osmosi inversa.

Commenta il post

Archivi blog

Social networks

Post recenti